Roberto Chirico

Un’altra grande bandiera della Libertas entra nella Hall of Fame. Roberto Chirico è stato per ben 11 stagioni, di cui 7 in serie A, il regista silenzioso di tante vittorie. Due gambe esplosive e una mano mancina molto ben educata, Chirico vinse la leva dei nati nel ’44 e iniziò nel giovanile con il mitico maestro Pieri, arrivando a vincere il titolo juniores insieme a tanti coetanei talentuosi. Nonostante il suo carattere mite, Chirico era un vero guerriero capace di fare la differenza con i suoi contropiedi devastanti, ma anche di asfissiare gli avversari in difesa. Entrò in prima squadra nella stagione 1962/63 e divenne subito un protagonista, perfettamente integrato con gli schemi di Formigli e con l’amico di una vita Mauro Baroncini. Il suo atletismo era più unico che raro nel basket anni ’60 e, se non fosse stato cosi attaccato a Livorno e alla pesca, probabilmente sarebbe anche lui emigrato in qualche squadra blasonata come fecero i vari Villetti, Raffaele, Cosmelli, Vatteroni e Bufalini. L’attaccamento ai colori Libertas ne fanno uno dei grandi eroi bianco-vinati che è giusto celebrare.

Chirico smise nel 1974 senza clamori, nel silenzio che ha sempre amato. Continuò con la pesca, la caccia e il suo lavoro di insegnante di educazione fisica, ma è ancora presente ai nostri eventi e ci è stato vicino durante il difficile periodo della rinascita. Un altro grande merito che dimostra la sua fede per la nostra maglia.