png_20211104_102502_0000

ALESSANDRO FAVILLI, IL RE DEL MARKETING: ‘PROGETTO SERIO ED A LUNGA DURATA, ECCO PERCHE’ SONO ENTRATO NELLA LIBERTAS’

Nello scorso mese di settembre ha compiuto 61 anni, ma ne dimostra almeno 15 meno. Alessandro Favilli è una delle colonne portanti della Maurelli Libertas Livorno 1947, di cui è direttore marketing. Alle spalle vanta un’esperienza di altissimo profilo nel calcio come lui stesso ammette con l’atteggiamento umile di chi non si dà arie anche perché per lui parlano i fatti: “Dal 2004 per 17 anni ho collaborato con l’A.S. Livorno Calcio occupandomi sia di marketing che di merchandising. In questa lunga militanza insieme ad altri ho lavorato tra l’altro all’organizzazione delle celebrazioni del centenario del club”.
Quanto è servita quell’esperienza?
“E’ stata fondamentale: sono stato a stretto contatto con direttori di altissimo livello. Penso a Giovanni Gardini, Attilio Perotti, Paolo Armenia: uomini e professionisti di valore da cui ho attinto moltissimo. Lavorando assiduamente con loro ho carpito segreti che non sono solo del mio mestiere e di questo traggo tuttora giovamento. Un giovamento che metto a disposizione della Libertas”.
Come nasce la collaborazione con la LL?
“Il corteggiamento è iniziato un anno e mezzo fa. Durante questo periodo sono stato contattato più volte da Alessandro Cirinei che mi invitava in sede in via Borra a parlare col presidente. Io però ero sempre impegnato con il Livorno e non me la sentivo ancora di fare questo passo. Durante il declino della società amaranto ho ricevuto altre sollecitazioni dalla Libertas e in 48 ore, ho trovato l’accordo e ho firmato un contratto triennale da direttore marketing”.
Calcio e basket: due mondi diversi. Quali sono le maggiori differenze?
“A dire il vero non ce ne sono tantissime. Quelle che riscontro sono  all’interno della società. Lì ero abituato a confrontarmi ogni giorno con un direttore. Qui invece ci sono più referenti. All’inizio sicuramente mi è sembrato più impegnativo. Tuttavia adesso, a distanza di pochi mesi, mi sono orientato all’interno della Libertas nella quale – sono sincero spero – di finire la carriera lavorativa perché mi trovo davvero molto bene. Sono circondato da persone in gamba qualificate e perché la società sta attuando una  consistente politica di consolidamento. Per questo mi fa piacere menzionare il direttore sportivo Paolo Capitani e il responsabile della comunicazione Fabrizio Pucci con cui c’è sintonia perfetta sul piano professionale e umano. Voglio però spendere due parole sul nostro presidente Roberto Consigli che mi ha fortemente voluto. Ha fatto davvero di tutto  per portarmi in Libertas facendomi subito sentire importante e parte della famiglia LL contagiandomi immediatamente con il suo entusiasmo”.
Prima del Livorno Calcio aveva mai lavorato nel basket?
“Come agenzia eravamo stati chiamati dal gm  Fabrizio Masini nel Basket Livorno. In quell’occasione avevo lavorato da esterno portando pubblicità al Modigliani e occupandomi del magazine della società”.
Qual è la dote che deve avere un buon direttore marketing?
“Il difficile non è firmare un contratto di partnership con uno sponsor, ma mantenerlo. La mia strategia è questa: dopo il contratto seguo sempre il cliente, lo chiamo. Gli scrivo lo vado a trovare e questo comportamento mi ha sempre ripagato”
Quanti sponsor ha portato per ora ?
“Non solo sponsor, ma anche novità che valorizzano i nostri partner. Penso ai led che hanno debuttato al Modigliani Forum in occasione della prima giornata di campionato.  E’ stata una novità che sponsor e tifosi hanno apprezzato. E poi c’è l’area ‘ospitalità’, altra novità assoluta. Quanto al numero di sponsor siamo ben al di là dei quaranta. A inizio ottobre per la precisione erano 42 (che per l’appunto hanno fatto bella mostra di sé sui led luminosi), ma nel frattempo abbiamo stipulato altri contratti”.
Favilli, diceva dell’area ospitalità. Di che cosa si tratta?
“E’ un’area del Modigliani Forum riservata agli sponsor, ai soci e agli addetti ai lavori. Si tratta di personalità che hanno acquistato pacchetti-abbonamento nel parterre che contemplano anche la possibilità di fruire di questo ulteriore servizio. Nell’area ospitalità troviamo un pianoforte le cui note allietano i presenti. E’ un luogo funzionale al ‘B2B’. In sostanza si tratta di una zona franca all’interno della quale – davanti a un caffè o a uno spuntino – i vari sponsor possono confrontarsi, collaborare, entrare in contatto. In altri termini: fare rete. E non è un caso che all’interno di Libertas sia presente un network formato complessivamente da una cinquantina di soci e da circa sessanta sponsor. L’idea è di far incontrare i nostri partner con cadenza trimestrale in location diverse affinché i nostri partner generino strategie comuni”.
Marketing, merchandsing, comunicazione. Quanto conta l’immagine per una società?

“E’ determinante. Penso al pullman della Labronica Bus che porta la squadra in trasferta: è un bel biglietto da visita per la Libertas. Dà il senso della serietà e della solidità del progetto. E il merchandising è fondamentale per fidelizzare i tifosi e per acquisirne di nuovi. In questo senso il Chiosco Livorno, al piano terra del Centro Commerciale Fonti del Corallo, ha riscosso un grande successo grazie alla grande vendita di materiale griffato Libertas. I nostri tifosi troveranno il materiale ufficiale LL anche presso l’edicola Lemmi in Piazza Damiano Chiesa e per la fine di novembre abbiamo in serbo altre sorprese. Ripeto: il progetto è serio e sano. Sono onorato di farne parte: ci sono e voglio esserci. Intendo fare la mia parte per costruire qualcosa di importante”

L’ultimo passaggio lo riserviamo a Coach Alessandro Fantozzi. Il nostro Capitano, la nostra bandiera è tornata nel ruolo di capo allenatore per condurre la squadre in alto grazie ad esperienza, saggezza e libertassinità unica. E poco importa se ci assale un pizzico di nostalgia. Dopo tutto eravamo, ma siamo e saremo sempre al fianco della LL.

ULTIMI ARTICOLI

LAUREA IN CASA LIBERTAS

E’ con grande orgoglio che annunciamo di avere un Dottore in più nella nostra grande famiglia libertassina. Nella giornata di ieri l’uomo dalle mani d’oro,

Leggi Tutto »