Untitled design (10)

Sarà la Riso Scotti Punto Edile Pavia l’avversaria della Opus Libertas ai play-offs

Negli anni ’80 Pavia, sponsorizzata prima Annabella e poi Fernet Branca incrociò tante volte la Libertas. Una società dal passato glorioso in cui ha militato anche il nostro indimenticabile Geremia Giroldi che nel 1990conquistò l’A1 con una coppia di stranieri del calibro di Oscar Schmidt e Rob Lock.

Pavia, proprio come Livorno, andò incontro a un fallimento ma rinacque alla fine degli anni ’90 in seguito a una fusione tra due società locali.

Pavia ha disputato un buon campionato nel girone B, concludendo al settimo posto con 14 vittorie e 8 sconfitte, ma solo per la classifica avulsa che ha premiato Cremona (quinta) e Crema (sesta).

La squadra, allenata da Fabio Di Bella, ha messo in mostra un buon basket e un ottimo gioco di squadra, testimoniato dal fatto che i punti segnati sono ben distribuiti tra i vari componenti del roster.

I giocatori da tenere sott’occhio solo Ferdinando Nasello, esperta Ala Pivot di 1,95 e attualmente top scorer della squadra, Alessio Donadoni, guardia classe 1997 con punti nelle mani, il veterano Marco Torgano, Ala di 2 metri con un buon tiro dall’arco e l’ottimo Lorenzo D’Alessandro, che in stagione ha tirato con il 71% da due, il 53% da tre e un eccellente 92% dalla linea della carità. La squadra è ben guidata dall’esperto playmaker Andrea Piazza e ha un buon mix di giovani e di giocatori d’esperienza. Di recente, il team pavese, che ha chiuso il campionato con una sconfitta di misura contro la Fidelia Torrenova, si è rinforzato con il trentasettenne Maurizio Pavone, ottimo rimbalzista ex Alessandria.

Il fischio d’inizio è previsto per Domenica 16 Maggio al Modigliani Forum e tutta la tifoseria è in fervente attesa.

I ragazzi di coach Garelli hanno avuto modo di godersi un po’ di riposo dopo un tour de force da paura. Procede bene l’inserimento del nuovo centro Vittorio Visentin, che sicuramente permetterà di creare spazio a Marco Ammannato, protagonista di battaglie avvincenti che lo hanno reso il beniamino dei tifosi. Vittorio può garantire punti, rimbalzi ed ha già mostrato un’ottima attitudine al sacrificio. E’ rientrato nei ranghi anche Luca Toniato, la cui fisicità sarà di fondamentale importanza.

La motivazione non manca, anche se c’è la consapevolezza che non sarà affatto facile. La speranza resta quella di rivedere in campo anche Riccardo Castelli, un fuoriclasse per la categoria, il cui recupero non è certo, ma dei segnali positivi ci sono stati.

Sarà fondamentale la leadership di capitan Forti e l’intensità degli ottimi Marchini, Ricci e Salvadori.

La società ci crede e coach Garelli è abituato al clima play-off quindi gli ingredienti ci sono. Speriamo di riuscire a vedere almeno una fetta di pubblico, perché i Libertassini sono tanti, più di quanto si possa percepire!

ULTIMI ARTICOLI